Tuesday, January 18, 2022

Silvia Pareschi e l'arte del tradurre: cinque domande che avrei voluto farle a suo tempo.

Sono passati oramai più di 6 anni dall'intervista che feci a Silvia Pareschi, traduttrice dall’inglese all’italiano di grandissimi autori – da Jonathan Frazen a Zadie Smith, da Junot Díaz a Julie Otsuka, da Nancy Mitford a Don DeLillo (e molti altri ancora), e autrice di una raccolta di racconti dal titolo I jeans di Bruce Springsteen e altri sogni americani, Giunti, 2016.

L'ho ricontattata di recente, per porle alcune domande che non le avevo fatto allora, oltre ad altre che avrei voluto farle adesso. Ne è venuta fuori una breve chiacchierata che spero vada a completare quella, più corposa, fatta nel  2015.

Dunque, Silvia, quello del traduttore è un viaggio nella mente e nella sensibilità di un altro scrittore, prima ancora che nelle sue storie, al punto che, forse, ci si potrebbe spingere a dire che chi traduce finisca per arrivare a conoscere aspetti di un autore che sfuggono all’autore stesso. Dal 1992 al 2021 hai tradotto cinque romanzi di Jonathan Franzen (l’ultimo, “Crossroads”, è uscito quest’anno per Einaudi). Cosa ci puoi dire di Franzen e del mondo che racconta?

Il mondo di Franzen, lo sappiamo, è la famiglia. La famiglia che viene analizzata, dissezionata, sviscerata, della quale vengono mostrati i meccanismi distorti, ma alla quale si ritorna sempre come nucleo fondante della società e delle storie. Dalla famiglia si partiva per un viaggio nei temi della contemporaneità: nelle Correzioni il passaggio della società americana da un’economia industriale a un’economia basata sul

Monday, January 10, 2022

Learn Italian in Auckland!

 



Italian Language Courses 
Term 1 - 2022

For Adults' classes click here



For Children's classes click here,
and for the Playgroup click here



To find out more about the Dante Alighieri School in Auckland click here.




Tuesday, January 4, 2022

The Sistine Chapel IN AUCKLAND!





A few photos from the Opening Night of the exhibition Michelangelo - A Different View
#Auckland 3 January 2022.
Under license from the Vatican Museums, this exhibition offers the most complete and authentic reproduction of Michelangelo’s beautiful ceiling frescoes of the Sistine Chapel to be shown outside the Vatican. The exhibition opened yesterday and will be on at Te Pokapū - Aotea Centre until 30 January 2022











 

Thursday, December 23, 2021

Buone Feste!

 


Buon Natale e Felice Anno Nuovo a tutti dalla Società Dante Alighieri Auckland Glowing star

Merry Christmas and Happy New Year to all from the Dante Alighieri Society Auckland Glowing star

Meri Kirihimete me Ngā Mihi o te Tau Houki a koutou katoa nā Società Dante Alighieri Auckland Glowing star




Thursday, December 16, 2021

Watch Prof. Bruno Ferraro talking about Michelangelo on Seven Sharp


The exhibition Michelangelo – A Different View is coming to Auckland!

Under license from the Vatican Museums, this extraordinary exhibition brings the most complete and authentic reproduction of Michelangelo’s beautiful ceiling frescoes of the Sistine Chapel to be shown outside the Vatican right here in Auckland, New Zealand, from 3 January to 30 January.

Watch Prof. Bruno Ferraro talking about Michelangelo on Seven Sharp  

Wednesday, December 1, 2021

🌟 Win tickets to see the exhibition Michelangelo – A Different View in Auckland! 🌟

 


🌟 Win tickets to see the exhibition Michelangelo – A Different View in Auckland! 🌟
Under license from the Vatican Museums, this extraordinary exhibition brings the most complete and authentic reproduction of Michelangelo’s beautiful ceiling frescoes of the Sistine Chapel to be shown outside the Vatican right here in Auckland, New Zealand, from 3 January to 30 January.

We have a double pass to give away for Michelangelo – A Different View, courtesy of The Stetson Group, to a lucky Dante Alighieri Auckland follower. To enter just go to our Fb Page and follow instructions.
Entries will close on 7 December, winner announced on December 8th.




Tuesday, November 23, 2021

Settimana della Cucina Italiana ad Auckland


Settimana della Cucina Italiana nel Mondo: la Dante Auckland aveva programmato una favolosa cena Dantesca per questo sabato, con musicisti e ambientazione medievale, ma a causa dell’emergenza Covid abbiamo dovuto posporre a sabato 2 aprile 2022. Potete già contattare la Dante at info@dante.org.nz per prenotare, tutte le info nella nostra newsletter (link in bio). Immagine del menù creata da Nicoletta Benella
Week of the Italian Cuisine in the World: the Dante Auckland had organised a wonderful Dante dinner for Saturday, with musicians and a Medieval setting, but this has been postponed to Saturday 2 April 2022 due to the Covid outbreak. You can still book a place on info@dante.org.nz, all info in our newsletter (link in bio). The image for the menu is by Nicoletta Benella



 

Tuesday, November 9, 2021

Conversazione tra Bruno Ferraro e Matteo Telara su Italo Calvino


Podcast della settimana di Ondazzurra conversazione tra Bruno Ferraro e Matteo Telara su Italo Calvino.
Per l’ascolto del podcast cliccare qui.
Bruno e Matteo parlano di alcuni libri di Calvino pubblicati postumi e poi di due dei suoi romanzi più famosi: “Le città invisibili” e “Il Castello dei destini incrociati”. Entrambi sono esempi della letteratura combinatoria di Calvino, dove il lettore diventa l’elemento centrale e si trova a giocare con l’autore in una serie di combinazioni poliedriche nascoste nell’opera e nel linguaggio.
Calvino era un intellettuale vivace, molto attento agli sviluppi del dibattito culturale e in questi due capolavori letterari, influenzati dalla semiotica e dallo strutturalismo, crea una rete narrativa "entro la quale si possono tracciare molteplici percorsi e ricavare conclusioni plurime e ramificate”.
Nel “Castello dei destini incrociati” adotta l’idea di adoperare i tarocchi come una macchina narrativa combinatoria. Nelle “Città Invisibili” usa il racconto di Marco Polo all’imperatore dei Tartari, per descrive città impossibili e visionarie fatte di memorie, desideri e segni dei linguaggio che parlano delle “ragioni segrete che hanno portato gli uomini a vivere nelle città”.
Ringraziamo gli sponsor di questo episodio: l’Ambasciata d’Italia a Wellington e il Ministry for Ethnic Communities.